Chi se non Stefano Ruffo, direttore della Sissa, può dire questa frase?

La Sissa, Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati, è un centro di formazione e di ricerca scientifica a Trieste. Nata nel 1978, da allora si è imposta come sinonimo di eccellenza nel panorama nazionale ed internazionale, eccellenza dimostrata anche dall’altissimo numero di fondi europei Erc (European research council) che si è conquistata dalla sua fondazione .

Ospita tre grandi dipartimenti, quali matematica, fisica e neuroscienze. Oltre alla ricerca, troviamo un Master in High Performance Computing e un Laboratorio Interdisciplinare, culla del prestigioso Master in Comunicazione della Scienza Franco Prattico. Il Laboratorio Interdisciplinare è nato con l’intento di promuovere il dialogo interno tra le discipline scientifiche e quello tra queste ultime, l’ambito umanistico e quello della società.

Ogni anno la Sissa ospita circa 300 tra studenti e dottorandi, provenienti da più di 50 paesi. L’atmosfera che si respira tra i corridoi è molto vivace: dovunque si parla di scienza, di ricerca, l’ambiente è multiculturale e attentissimo alla parità di genere. In mensa, nel bar, nei laboratori e nelle aule lavorano a stretto contatto studenti e studentesse provenienti da tutto il mondo, si confrontano, si scambiano conoscenza e riflessioni.

Un motivo di orgoglio per Trieste e per tutta l’Italia. Non vediamo l’ora di uscire da questa quarantena e poter finalmente visitare anche noi l’edificio, immergerci un po’ in questo luogo così stimolante e raccontarne tutte le curiosità.