+Sport a Scuola – al via la seconda edizione

Ad ottobre è stata avviata la seconda edizione del progetto +Sport a Scuola: le attività, svolte in collaborazione con l’Università degli Studi di Udine, l’ASD Libertas, la Cooperativa la Collina e Igor Damilano, si svolgeranno per l’intero anno scolastico. Il progetto mira a promuovere ed a incrementare la pratica ludico-motoria nei giovani, contribuendo all’avvicinamento dei valori positivi dello sport.

La Fondazione, per questa seconda edizione, ha selezionato e coinvolto sette Scuole Secondarie di primo grado presenti in Friuli Venezia Giulia: gli Istituti Comprensivi interessati sono l’Antonio Bergamas e l’Italo Svevo di Trieste, l’Ezio Giacich ed il Giovanni Randaccio di Monfalcone, l’Ezio Bellavitis ed il Guglielmo Marconi di Udine (@Istituto VI) e l’Enrico Fermi di Casarsa della Delizia,  per un totale di più di 200 studenti e più di 20 professori coinvolti.

Grazie alla seconda sessione del Convegno Cervelli in Movimento, i docenti che prenderanno parte attiva al progetto hanno potuto allinearsi alle tematiche che verranno affrontate dai ragazzi nel corso delle attività: ‘Sport e Città’ è la prima, cui seguiranno ‘Tifo Positivo’, ‘Stereotipi e Pregiudizi’ e  infine ‘Vincere e Perdere’.

Gli studenti hanno già incontrato degli esperti di parkour, hip hop e break dance: nel corso dei prossimi mesi scopriranno molte altre discipline!

La Fondazione crede molto nel progetto e per questo ha deciso di misurare i possibili progressi degli studenti che vi parteciperanno attraverso una valutazione di impatto curata da Tiresia del Politecnico di Milano, al fine di comprenderne i risultati e poter migliorare le edizioni future.

Per restare aggiornati e seguire le attività del progetto visitate la piattaforma www.piusportascuola.com

Centro per la salute del bambino ONLUS – Nati per leggere

Perseguendo l’obiettivo di mappatura del nostro territorio, durante l’estate abbiamo avuto il piacere di incontrare e conoscere il Centro per la Salute del Bambino ONLUS. Questa ONLUS opera in Italia e a livello internazionale con la mission di diffondere programmi di prevenzione alla povertà educativa, di promuovere delle buone pratiche in famiglia e di garantire a tutti i bambini uguali opportunità di sviluppo cognitivo, emotivo e relazionale fin dalla nascita.

Il Centro opera per creare reti locali di operatori di servizi sanitari, sociali, culturali ed educativi; attiva inoltre percorsi di formazione multidisciplinare per i suoi volontari, per le associazioni e per gli amministratori locali, al fine di contribuire alla costruzione di iniziative multisettoriali di sostegno alla prima infanzia e alla genitorialità.

La ONLUS si occupa inoltre della pubblicazioni di materiali, strumenti informativi e di intervento sui temi della salute materno-infantile, collaborando per altro a sviluppare ricerche, documenti e progetti assieme, tra gli altri, all’OMS e all’UNICEF.

Curano inoltre il progetto “UN VILLAGGIO PER CRESCERE”: sette sono i Villaggi attivi in Italia, di cui uno situato a Valmaura (TS). I Villaggi si caratterizzano come luoghi d’incontro tra genitori e famiglie, affinché loro stessi possano condividere esperienze, fare amicizia e stare insieme: si tratta quindi di attività in stretta connessione con il territorio per accompagnare i genitori nei loro compiti educativi.

La ONLUS é inoltre la Segreteria nazionale del progetto NATI PER LEGGERE’ e ‘NATI PER LA MUSICA’: entrambi sono programmi di comunità diffusi sul territorio nazionale (più di 800 progetti locali in 2000 comuni) con il fine di promuovere la lettura e la musica in famiglia. Questi progetti vengono svolti e curati in collaborazione con l’Associazione Culturale Pediatri e l’Associazione Italiana Biblioteche, e hanno il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.
Grazie ai volontari formati dal Centro, vengono quindi proposte gratuitamente alle famiglie con bambini fino a 6 anni di età delle attività di lettura nelle biblioteche e nei Punti Lettura, negli ambulatori pediatrici, nei consultori e nei punti nascita, nei quartieri a rischio, nelle pediatrie degli ospedali, in zone povere di servizi e tra le comunità di migranti. Ad oggi si stima che il 20% della popolazione nazionale sia venuta a contatto con questo programma.

Buona lettura a tutti!

Patrocinio ProEsof per il progetto Sperimentare il Futuro

Belle notizie per la nuova edizione di Sperimentare il Futuro – Industria 4.0: il progetto ha ricevuto il patrocinio di ProEsof

Un po’ di acronimi ma ora facciamo chiarezza: TESI, Trieste Encounters on Science and Innovation è lo strumento operativo di FIT, Fondazione Internazionale Trieste, capofila per ESOF 2020 (European Science Open Forum) la più rilevante manifestazione europea focalizzata sul dibattito tra scienza, tecnologia, società e politica che avviene ogni due anno e che nel 2020 sarà a Trieste.  TESI ha il duplice obiettivo di stimolare proposte innovative per gli eventi che precederanno ESOF 2020 negli anni 2018-2020 (ecco perchè ‘proEsof2020′) e attivare organizzazioni con particolare riguardo al Nord-Est d’Italia e alle aree dell’Europa centrale e orientale allargate; al suo interno cinque commissioni: science to science, science to business, science to policy, science to communicators e science to citizens quest’ultima la sezione a cui abbiamo candidato il progetto.

Uno splendido riconoscimento per Sperimentare il Futuro – Industria 4.0 che si pone l’obiettivo di coinvolgere i ragazzi nel comprendere i lavori del futuro e testare più da vicino in cosa può consistere la formazione tecnico-scientifica

Vi riportiamo qui alcune parole davvero molto significative del direttore di FIT, il Professor Stefano Fantoni sul concetto di scienza :

“Il nostro motto ‘Freedom for science, science for freedom’ vuole significare, da una parte, una scienza priva di pregiudizi e priva di limiti nell’esplorazione della conoscenza, anche se non priva di doveri, doveri intrinseci alla scienza stessa quali la riproducibilità dei risultati, la loro piena accessibilità e anche doveri verso la società; dall’altra parte, il motto indica la tensione verso una scienza inclusiva, portatrice di pace, di un linguaggio universale che tutti possono e devono parlare nello spirito di un futuro migliore”

Attenzione! Le call per candidarsi come progetto ProEsof sono ancora aperte: la prossima call scade a fine novembre

Gli alunni premiati di +Sport a Scuola alla Barcolana 50

Gli alunni vincitori della prima edizione di +Sport a Scuola  veleggiano su Spirit of Portopiccolo

A sei ragazzi, quelli che si sono distinti per partecipazione ed entusiasmo durante il progetto pilota di +Sport a Scuola ,  la Fondazione aveva promesso un premio: il tema era il mare, ma certo non è stata una promessa da ‘marinai’!

I fortunati sei hanno potuto godere insieme a loro coetanei di una veleggiata nel Golfo di Trieste  sull’imbarcazione Spirit of Portopiccolo, già vincitrice della Barcolana 2017. I quaranta ragazzi scortati da Furio Benussi e tutto l’equipaggio, armati di giubottino tecnico donato dalla Fondazione, sono stati di buon auspicio: il giorno seguente Spirit of Portopiccolo si è confermata vincitrice durante la cinquantesima edizione della Cinquantesima Barcolana 2018.

Tutti i ragazzi su Spirit of Portopiccolo
Chissà quale sarà il premio per la seconda edizione di + Sport a Scuola: se siete curiosi seguite la piattaforma www.piusportascuola.com !

 

Scuole che promuovono salute. Una rete per il ben-essere

La promozione della salute nelle scuole è un concetto ampio che comprende l’educazione alla salute, certamente, ma anche le politiche scolastiche relative al promuovere salute, la definizione dell’ambiente fisico e sociale, il curriculum, i collegamenti con la famiglia, la comunità e i servizi sanitari.

Il benessere non è solamente salute fisica, ma anche emotiva e di sistema,  lo sappiamo e lo stiamo ogni giorno riscontrando con i ragazzi ed insegnanti che aderiscono ad entrambi i nostri progetti, +Sport a Scuola e Sperimentare il Futuro – Industria 4.0 dove la dimensione ludica e laboratoriale ci permette di apprendere molto della quotidianità.

Il progetto @D.A.D.A insieme all’Istituto VI di Udine è stato altro motivo di studio sul tema, nello specifico nella forte connessione tra ambiente fisico e possibilità di interazione, apprendimento ed interazione tra insegnante ed alunno.

Il 6 Settembre, presso la Sala Polifunzionale del Presidio Ospedaliero Universitario di Udine  si è tenuto il secondo appuntamento per approfondire lo stato dell’arte in Friuli Venezia Giulia e, grazie anche all’analisi ed illustrazione di best practices come quella della rete lombarda, è avvenuto il workshop dedicato agli insegnanti interessati a declinare al meglio il tema nelle proprie scuole e alla comprensione del funzionamento di una rete formalizzata.

Un importante momento per la Fondazione per continuare la sua esplorazione ed analisi del territorio e delle progettualità necessarie a rendere la scuola luoghi collaborativi, salutari e al passo con i tempi.

Backoffice: Mirella Pascottini

Assistant to the management of the Pittini Group until 2017. Mirella has acquired administrative and organizational skills and competences within the various companies of the Group. Today a precious collaborator of the Foundation for all Back Office activities.