Cervelli in Movimento – Convegno

L’obiettivo del pomeriggio di formazione è fornire spunti e riflessioni relativi al raggiungimento del benessere in età preadolescenziale, anche in ottica di prevenzione al bullismo e dispersione scolastica, offrendo contributi provenienti da studi e ricerche di differenti discipline.

Sperimentare il Futuro – evento finale

Lunedì 11 giugno 2018, presso l’Aula Magna dell’Istituto G. Caprin di Trieste, si è svolto l’evento conclusivo del progetto pilota di divulgazione scientifica Sperimentare Il Futuro – Industria 4.0 sui temi di innovazione e industria 4.0 realizzato in collaborazione con l’Immaginario Scientifico.

 L’evento finale aveva l’obiettivo di restituzione dell’esperienza da parte degli alunni e di ispirazione sui lavori del futuro in ambito tecnico-scientifico.

 Dopo il racconto riportato da uno studente per anno dell’esperienza vissuta durante i laboratori, sono intervenuti dei testimonial del mondo dell’innovazione nell’impresa, con i quali i ragazzi hanno avuto modo di confrontarsi: “gioia, altruismo e resilienza” sono i consigli che gli scienziati-imprenditori hanno in sintesi voluto dare.

Tra questi, Diego Bravar e Irene Lasorsa di Biovalley Investments, che hanno sottolineato l’importanza di pensare fuori dagli schemi e di considerare il proprio lavoro come un modo per cambiare il mondo, con perseveranza, responsabilità, ma anche con gioia e altruismo.

 Vedran Jukic di Servernet ha inoltre riflettuto sul concetto di innovazione come capacità di pensare qualcosa che non c’è e riuscire a trasformarlo in realtà, mentre Barbara Codan di GeniusChoice ha insistito sull’importanza della creatività e della semplicità.

Fondazione Giannino Bassetti

Nelle nostre esplorazioni di mappatura a livello nazionale di realtà esemplari a cui fare riferimento e di condivisione di best practices, qualche settimana fa abbiamo avuto l’onore di incontrare e approfondire la conoscenza della Fondazione Giannino Bassetti.

La responsabilità nell’innovazione, con incredibile lungimiranza di Piero Bassetti, è la mission perseguita dalla Fondazione sin dal 1994: l’innovazione come capacità di realizzare l’improbabile.

La Fondazione, con sede a Milano, collabora con svariati Istituti, tra cui il Politecnico di Milano e molte altre Università. Dal 2016, è inoltre partecipata da Regione Lombardia.

In coerenza con i valori espressi dalla Famiglia Bassetti, lo scopo della Fondazione è quello di promuovere l’esercizio responsabile dell’innovazione in ambito nazionale e internazionale, assistendo i soggetti istituzionali, privati e associativi, a orientarne i fini.

L’innovazione è considerata dalla Fondazione quale fattore di incivilimento per l’intera società: sia quando si esprime in ambito tecnico-scientifico, sia quando si manifesta nella creatività economica e imprenditoriale, sia quando riguarda i modelli di governance.

Vi invitiamo a consultare il ricchissimo archivio della Fondazione: dall’arte alla robotica, ma anche etica, finanza, prototipazione rapida, genetica, energia. Il materiale messo a disposizione, interamente gratuito per l’intera fruizione, copre ogni tema in cui l’innovazione è in crescita. Tutto l’archivio è inoltre rilasciato in Creative Commons.

Abbiamo approfondito alcuni temi, quali i modelli innovativi per l’educazione e l’importanza di trasferire ai giovani un concetto di scienza.

Abbiamo anche condiviso la volontà di studiare possibili future interazioni tra la nostra realtà e quella milanese, che consideriamo una vera e propria Think Tank dell’innovazione.

Social Impact Investor Day: startup per il sociale

Presso la sede di Rinascimenti Sociali, abbiamo avuto il piacere di assistere al Social Impact Investor Day, la giornata di chiusura del programma di accelerazione per social impact startup di SocialFare®| Centro per l’Innovazione Sociale.

A otto mesi dal lancio di Foundamenta#4 – la call nazionale per social impact start-up, che ha permesso di individuare imprese e business idea di eccellenza e ad alto impatto sociale da inserire nel programma di accelerazione di SocialFare – le 4 startup accelerate sono pronte a presentarsi a enti e imprenditori per cercare di conquistare il loro interesse e ricevere investimenti.

Hanno presentato il loro pitch:

  •  Wher – l’app per la sicurezza femminile in città, gestita in modalità crowd
  • ■ EthicJobs – sistema di certificazione e visibilità alle aziende con i migliori standard di qualità lavorativa
  • ■ Paratissima – organizzazione e gestione di eventi d’arte contemporanea per artisti emergenti
  • ■ Progetto Quid – sartoria sociale vincitrice del programma di accelerazione SocialFare in collaborazione con il Premio Marzotto.

Parole a Scuola, per combattere l’ostilità in rete

Siamo lieti di supportare l’evento Parole a Scuola, l’iniziativa di formazione gratuita dedicata alla condivisione di strumenti di azione per dare una risposta concreta al bisogno di affrontare le tematiche dell’ostilità in rete.

La manifestazione si terrà presso l’Università Cattolica di Milano il 9 febbraio 2018, in occasione del Safer Internet Day, l’appuntamento annuale organizzato con il supporto della Commissione Europea e che coinvolge 100 Paesi al fine di promuovere un uso sicuro e responsabile del web e delle nuove tecnologie, tra i bambini e i giovani.

Durante la giornata, si svolgeranno oltre 30 tra lezioni frontali, panel e workshop interattivi, dedicati agli insegnanti delle scuole primarie e secondarie, preceduti da un momento di assemblea plenaria, a cui parteciperà anche il Ministro della Pubblica Istruzione Valeria Fedeli.

Saremo presenti anche noi, con un laboratorio dedicato al progetto + Sport a Scuola, giunto al termine del suo primo mese pilota a Udine e Trieste. Daremo il nostro contributo con la partecipazione del Prof. Bardini (Università di Udine), coordinatore del progetto per le attività ludico-motorie, e di Igor Damilano con il laboratorio di comunicazione digitale, che illustreranno le attività da riproporre in classe.

La giornata sarà inoltre un’opportunità per la presentazione di un curricolo di Media Education, pensato per i due cicli di istruzione, e ispirato ai principi del Manifesto della comunicazione non ostile.

Manifesto Parole Ostili

L’evento è organizzato dall’ATS Parole O_Stili (formata dall’Associazione Parole O_Stili, l’Università Cattolica del Sacro Cuore e l’Osservatorio Giovani dell’Istituto Toniolo) in collaborazione con il MIUR, e ha lo scopo di fornire agli insegnanti gli strumenti per educare alla cittadinanza digitale e creare un nuovo percorso didattico che porti il Manifesto della comunicazione non ostile nelle classi d’Italia.